LA CLESSIDRA Associazione Arci di Volontariato
Non vivete la bocciatura come un fallimento, ma come un'esperienza per crescere

Bocciato: capita ogni anno a uno studente su 10. Lo psicoterapeuta Alberto Pellai invita genitori e studenti ad analizzare le cause che hanno portato al verdetto negativo, cogliendo la possibilità di riorientare il percorso scolastico, o superare le cause del disagio che l'hanno generato.

Per leggere l'articolo di Alberto Pellai pubblicato su Famiglia Cristiana, Clicca qui

 
Giugno, il mese dei bilanci e delle emozioni

Nido d'Infanzia: Generalmente giugno è il mese dei bilanci: l’occasione in cui ci fermiamo, ci voltiamo e guardiamo al passato con occhio critico, osserviamo chi siamo diventati e proiettiamo lo sguardo verso il futuro…

Se guardiamo questo momento da un punto di vista 0-6, non siamo di fronte al punto di arrivo, ma a un passaggio verso un nuovo percorso di crescita che sarà arricchito da inedite e diverse esperienze

Per leggere l'articolo di Lia Michelotti, pedagogista pubblicato da GiuntiScuola Clicca qui

 
Lo spazio dell'attesa

Nella relazione educativa lo spazio dell’attesa è il tempo che si concede ai bambini per trovare soluzioni, sviluppare apprendimento e crescita.

Angela e Amelia frequentano il primo anno della scuola dell’infanzia. Nel trascorrere dei mesi la loro amicizia si è sviluppata: si cercano per giocare insieme, ad ambedue piace la compagnia dell’altra ma i conflitti fra loro non mancano. Spesso si contendono lo stesso gioco e nessuna delle due.......

Per leggere tutto l'articolo di Marcella Dondoli pubblica da GiuntiScuola Clicca qui

 
Un paniere di parole buone a scuola

Come nel bosco bisogna essere capaci di riconoscere i funghi commestibili, anche nella scuola l’insegnante incoraggiante e accogliente cerca parole buone. Di Marcella Dondoli pubblicato da GiuntiScuola

Tutti noi siamo immersi nelle parole, le utilizziamo ogni giorno per raccontarci, spiegare, chiedere o rispondere. Spesso utilizziamo parole per abitudine, le pronunciamo senza pensare a quello che stiamo dicendo, altre volte scegliamo quelle che ci sembrano più adatte a ciò che vogliamo dire ai fini di una comunicazione favorevole a “noi” che siamo in relazione 

Per continuarea leggere l'articolo di Dondoli  Clicca qui

 
Riprendere la parola

L'importanza della relazione, del "C'era una volta", del dialogo tra adulti e bambini. Articolo di Sonia Iozzelli, pedagogista pubblicato da GiuntiScuola

....Il presente è fatto di comunicazioni che della velocità fanno il loro valore. In effetti la prontezza nel corrispondere fa delle nuove tecnologie un oggetto gradito che accompagna la vita quotidiana di ognuno di noi, ma ci dobbiamo ricordare cosa il bambino ci chiede :"Vorrei un tempo lento lento lento... per una vita tutta intera intera intera ..." potrebbe essere questo un leit motiv che incoraggia la nostra riflessione di adulti impegnati nella responsabilità di crescere un bambino

Per continuare a leggere l'articolo di Iozzelli Clicca qui

 
Educare: un abbraccio emotivo

Non possiamo nascondere ai bambini le emozioni che proviamo, possiamo omettere solo la loro verbalizzazione con il rischio che i bambini possano fraintendere o che, viceversa, riescano a capire bene quello che proviamo nei loro confronti, oltre ciò che vorremmo dire.

Questo è il pensiero con il quale  Marcella Dondoli pedagogista ci introduce al suo articolo pubblicato su GiuntiScuola.

Per continuare a leggere l'articolo di Marcella Clicca Qui

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 20