LA CLESSIDRA Associazione Arci di Volontariato
BASTA PENTOLINO

Basta Pentolino è il primo di tre racconti per i bambini che in questo periodo non vanno a scuola.
E' scritto da Marcella Dondoli, disegnato da Tiziana Vignoli e montato da Federico Biagini

Buon ascolto e buona visione!

 
TUTTI CONTRO TUTTI

TUTTI CONTRO TUTTI

Un 15enne ucciso durante una tentata rapina, da lui messa in atto verso un uomo che si difende e gli spara. Quell’uomo è in realtà un carabiniere che all’improvviso si trova catapultato dalla posizione di uomo di giustizia a giustiziere. Un’Italia che commenta questa vicenda trasformando ora l’uno, ora l’altro nel mostro del giorno. La famiglia della vittima che piange il proprio ragazzo. Ma che al tempo stesso attacca e aggredisce fisicamente il luogo dove è stato portato per le cure e poi è morto. Generando panico e devastazione e reclamando tale reazione come un diritto inoppugnabile.

Tutti contro tutti. E’ una scena da Far West. Dove tutti agiscono, tutti urlano, tutti fanno danni. E’ una vicenda piena di dolore e di sconvolgimenti che dimostra, nel concreto, quanto il gesto impulsivo sia ormai la “regola” che guida i nostri movimenti. E come rimettere la ragione al centro delle nostre vite sembri più che mai una missione impossibile. ....(Post pubblicato su FB)

Per leggere l'articolo di Pellai pubblicato da Famiglia Cristiana CLICCA QUI

 
GENITORI OGGI VIVONO DI PAURE

I GENITORI OGGI VIVONO DI PAURE, si ritrovano sovraccarichi di ansie da prestazione: da un lato si fa loro credere che i figli siano affetti da una fragilità, un’inabilità che non hanno, dipingendoli esposti a mille imperscrutabili pericoli dell’ambiente umano e naturale, e dall’altro si impongono loro principi pedagogici e psicologici da seguire sin dalla nascita se non prima, in pancia“ In questo modo si paralizzano deprimendo inesorabilmente la loro autostima: “saprebbero fare”, ma se i gesti e gli accudimenti spontanei vengono trasformati in regole e in dettami i genitori perdono la capacità di instaurare una relazione spontanea con i loro figli.

Per continuare a leggere il post pubblicato da Sarti su FB per presentare il libro FIGLI DELLE PAURE scritto insieme a Alessandra Puppo e pubblicato da Giunti CLICCA QUI

 
I MODI DI APPRENDERE DEI BAMBINI - "PILLOLE" PER COMINCIARE BENE

Come Imparano i Bambini?

I processi costruttivi, le scoperte, le esperienze messe in gioco. 

CLICCA QUI Per ascoltare l'audio di Maurizia Butturini pubblicato da GiuntiScuola

 
EDUCARE ALLA CURA: SI PUÒ IMPARARE DAI BAMBINI

Sorprendono i bambini, perché fanno e dicono cose che molto spesso sono lontano da ciò che faremmo e diremmo noi adulti nella stessa situazione. Osserviamoli

Sono molte le cose che facciamo quotidianamente in una sezione della scuola dell’infanzia e senza rendercene conto corriamo tutto il giorno dietro a qualcosa di urgente da fare perdendo di vista la dimensione relazionale fra noi e i bambini e fra i bambini. Dimentichiamo che siamo lì per loro e soprattutto insieme a loro in un feedback relazionale dal quale possiamo imparare molto prestando ascolto a ciò che potremmo definire la loro filosofia. Possiamo concederci ogni giorno un po’ di tempo per osservarli, per mettersi da una parte e guardarli come se ogni volta fosse la prima in tutta la nostra storia professionale; sentire quello che dicono, concedersi di lasciare che si muovano in libertà, magari seduti per terra mentre loro sono in piedi può riservarci sorprese con emozioni che da tempo non avevamo più sentito, che non avevano accentuato il battito del nostro cuore.

Per continuare a leggere l'articolo di Marcella Dondoli pubblicato su GiuntiScuola, Clicca qui

 
PER UN NUOVO ANNO ILLUMINATO


Maurizia Butturini dedica questi pensieri a tutti coloro che operano nella scuola, a contatto con i bambini e le loro famiglie. Buon 2020!

Educare e accompagnare i bambini nella crescita di tutte le dimensioni della persona, aiutarli a “farsi” secondo le personali intelligenze e inclinazioni mettendo a frutto le proprie potenzialità, qualsiasi esse siano, è un compito difficile, impegnativo, complesso. Chiede a noi tutti grande competenza, attenzione, sensibilità, lungimirante capacità di vedere oltre; a volte sembra di non farcela. Ma è anche il mestiere più bello, delicato, sfidante e creativo che vi sia; pretende tanta passione educativa e il desiderio autentico di accettare la sfida che ci è posta.

Per leggere tutto l'articolo di Butturini pubblicato da GiuntiScuola Clicca qui

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 23